la redazione


Gargamella

Puffa sempre caricature puffosissime. Il tempo libero lo trascorre alla ricerca del villaggio dei puffi. Non per catturare gli omini blu ma per cogliere le loro case-fungo e... MANGIARSELE! I puffi brontoloni sono il bersaglio preferito della sua penna. Quindi attenzione! Se vedete la vostra caricatura sull'Eco di Ronc Zora, fatevi una risata. Altrimenti lui vi prenderà di mira anche nella prossima edizione.




Nonna Papera

Per scrivere l'Eco bisogna metter a tacere lo stomaco. Ai fornelli la Nonna si diletta, cercando di corrompere il gruppo per non finirci lei, sul giornale!



Geppetta

Come Geppetto trasforma il legno in burattini, Geppetta da vita alla grafica del giornale e dei volantini. Con il computer è un tutt'uno ed è più veloce di Speedy Gonzales. Il gatto e la volpe? Pfffffffff. Lei li formatta con un click!



Paperone

Impegnato a proteggere la sua numero 1 o nel lontano Klondike per cercar oro e pepite, Paperone spesso comunica con il gruppo via mail. I suoi articoli hanno la potenza di uno spingardino ma spesso ciò che scrive viene rubato dalla Banda Bassotti. La redazione con l'aiuto di Archimede sta progettando un sistema di difesa per permettere a Paperone di partecipare indisturbato alla creazione del giornale.



Ariel

Il suo habitat naturale è l'acqua, ma ogni tanto nuota fino alla superficie per guardare il mondo sopra il mare. Ariel è la nostra inviata-riservata. Lei guarda, osserva ed impara molto, ma molto velocemente. Attenzione perché tra una pinnata e l'altra si sta facendo strada. La corrente marina la sta trasportando in un oceano d'informazione mai visto!



Pocahontas

La sua chioma lunga e ribelle viene spesso catturata con due trecce. Lei è la vera protagonista del film Disney, ma è stata esclusa dai casting perché non hanno voluto inserire il "dialetto" come lingua principale. Ha dovuto abbandonare la collina di Hollywood per accontentarsi del lavoro in redazione. Pocahontas è diventata l'interprete ufficiale del nostro giornale. Ecco accontentato chi si è lamentato del poco dialetto nella scorsa edizione. Pärchia ca noialtra a scoltum quasi sempra quäll chi ga da dii o critichié chi cä läisch.



Mafalda

A lei è stata dedicata anche una piazza di Buenos Aires. Perché qui, di buenos, nell'aire, c'è anche una penna preziosa e con una certa esperienza. Mafalda si interessa dei problemi del mondo e a lei, spesso e volentieri, vengono affidati temi importanti (articoli di fondo, necrologi, arte, carte, marte...) È talmente precisa che scrive tutto su foglietti di carta che, puntualmente, perde in un cassetto o "la pianta in gir da una quai part"...



Lupo Alberto

Il nostro Lupo Alberto è un sosia del lupo scritto da Silver. Lui, infatti, non deve rubare le gallinelle perché la fattoria la possiede. Non ama molto le penne (almeno che non siano commestibili). Lui preferisce i rastrelli. Ma quando apre bocca bisogna drizzar le orecchie perché l'articolo lo crea nell'aria. Lo si cattura così com'è e lo si mette sul foglio. Gallinelle, talpe e cani attenzione! Arriva lui. Il nostro Luuuuuuuuuuupooooooooo Albertooooooooo!